Translate

mercoledì 1 marzo 2017

Etna l'energia che sale -Un omaggio alla Sicilia e a Giovanni






Mi è capitato, diversi anni fa di trovarmi a Giarre paese siciliano sotto le pendici dell'Etna e di assistere all'eruzione notturna del vulcano.  Uno spettacolo suggestivo con boati che ti facevano sussultare ed intuire anche se lontanamente la forza della Natura.
Dormire, cullata da questi boati è stata una esperienza veramente indimenticabile, svegliarmi avvolta dal manto nero della cenere lavica è stato qualcosa di particolare, strano, forte e bello contemporaneamente. Poi sapere che quella cenere fertilizza come niente altro riesce a fare donandoci quegli agrumi, ortaggi, pistacchi, mele, uva .... coltivati proprio in quei luoghi mi ha riempito il cuore di gioia e gratitudine e.... il magnifico vino..... con cui brindare.
Amo la Sicilia e vederla così dimenticata, abbandonata, maltrattata mi fa male, veramente male. Sento l'Etna come il Guardiano di quella terra che sta incitando i siciliani a nuovi vespri che siano di genio, capacità e cambiamento reale, né mafie  né baronie solo cambiamento avviato dalla Cultura e da un Intelletto capace, attivo e dalla Forza di Agire per rendere  quei posti indimenticabili attraenti, meta di un turismo colto, di cuore, capace di apprezzare le bellezze di ogni luogo della amata Trinacria. Un turismo che attratto da questa antica Terra,  arrivato  a Taormina, si immerga nella sua bellezza, si sieda sugli spalti del teatro greco ed ammiri da una parte l' Etna con la cima imbiancata e dall'altra lo splendido mare che lambisce le coste invitandoti nelle sue acque a giocare con le piccole onde.
E poi andare via con la nostalgia e la voglia di tornare.....

Qui puoi vedere il video del magnifico spettacolo.