Translate

mercoledì 7 febbraio 2018

Tutta colpa dell'accumulatore di particelle

                         Tutta colpa dell'accumulatore di particelle


                        ppcms_higgs


Mi guardo intorno e ovunque vedo decadimento la decadenza di un popolo, I vecchi camminano lungo i marciapiedi trascinandosi stancamente,, i bambini sembrano scomparsi hanno lasciato il loro posto ai cani, ne vedo ovunque con padroni in loro balia. Sono costretta a fare lo slalom tra cacche e vomiti lasciate dai quattro zampe... ma i proprietari dove sono? La maleducazione impera indisturbata.
Sedie a rotelle trasportano persone come sacchi, badanti distratte intente a parlare al cellulare idiomi a me sconosciuti.
Sull'autobus le lingue si accavallano sgraziate, gutturali, c'è povertà, c'è  puzza di odori esotici, facce di ogni colore.
Bottiglie di birra vuote lasciate ovunque, segno di notti solitarie, di disgregazione.
Vedi la solitudine di donne e uomini , un tempo giovani, con famiglie numerose e affaccendati a creare qualcosa, girando in tondo dietro a fantomatiche carote.... ed ora nulla, l'attesa di una vita che si conclude.
Passo davanti alla chiesa del quartiere e c'è l'ennesimo funerale, fiori gente vestita di nero che piange il morto, senza rendersi conto che anche loro sono morti. Il parroco sarà felice, altri introiti entrano nelle casse.
Parole ed immagini escono da inutili televisori, offerta di merci, programmi illusioni, inutilità, manipolazione.. La vita cos'è?  tutto gira intorno al cibo, si lavora per mangiare, più si guadagna più i cibi sono migliori così come le case, gli abiti le macchine, un mondo falso gestito da persone false.
Discendiamo dagli etruschi più che dagli antichi romani, un popolo bello  da riscoprire, la bellezza faceva parte della loro cultura, basterebbe andare a Roma al Museo di Villa Giulia e vedere la coppia di sposi. Qui la sposa, la donna era allo stesso livello dell'uomo, C'è gentilezza nello sguardo dell'uomo, c'è dolcezza nello sguardo della donna.


E poi  andiamo a Tarquinia visitiamone il Museo e ammirando   i cavalli alati.....
possiamo capire le nostre origini, la nostra bellezza e capacità.

 


E invece passiamo da una informazione manipolata all'altra, siamo sottoposti a digerire falsità abbindolati da festival, partite e programmi impossibili, come un amaro che ti propinano nelle pessime pubblicità. Ubriacati dal nulla ..... Tutto è svolto a regola d'arte per abbassare le capacità intellettive del popolo e come se questo non bastasse, veniamo bombardati da  un imbastardimento culturale con una miscellanea di ignoranza proveniente dal resto del mondo. Sottoculture che dovremmo integrare ai nostri costumi, ma dalle quali si viene inglobati.
Politica corrotta ed inetta, una chiesa troppo ricca e dedita ai vizi  Cosa ci rimane?  Guardare oltre le stelle, viaggiare nello Spazio e comprendere che in noi è racchiuso un grande Segreto....... quella Forza che fa muovere ogni cosa.....
è dentro di noi, ma come un tesoro prezioso va cercata, dissepolta e protetta.

Nessun commento:

Posta un commento